Proposte gite sociali

Si propongono alcune gite sociali per il 2019. Questo è solo una base su cui lavorare e si accettano volentieri idee e integrazioni.

Gite di un solo giorno:

  • Ex sentiero Settefontane Lesis
  • I Praduz del Col Nudo
  • La Grande Cengia in Cimoliana (da spalare la sabbia)

Gite di più giorni

  • Sentiero Fradeloni completo da e ritorno a Tramonti di Sopra con varianti
  • Alta via clautana

Approfondimenti

Per ciò che riguarda il Settefontane Lesis si potrà fare anche se il comune di Claut non sistemerà la strada della Val Settimana che è interrotta al Pont del Gobo. Si potrà sfruttare la variante in discesa da malga Zuncol, invece che scendere per la stalla Mela. Tra tutte le proposte è la più semplice.

I Praduz del Col Nudo dovrebbe essere a portata di greppisti con ottimo allenamento partendo dalla Val Ferron e prendendo I Praduz da sotto forcella Col de Pin. In questo modo, una volta al bivacco Frugna, si ritorna in Val Ferron. Bisogna valutare anche la possibilità di intraprendere il percorso da casera Gravuzza (minore dislivello) e fare il giro in senso orario. Sarebbe opportuno eseguire una esplorazione preventiva per individuare il percorso sotto le Cime di Pino.

La Grande Cengia ha una otturazione dovuta ad un banco di sabbia che andrebbe spalata per poter passare. Anche una semplice puntatina armati di pala potrebbe essere sufficiente per liberare il passaggio.

Il Sentiero Fradeloni in versione completa occupa 4 giorni e tre notti toccando il rifugio Chiampis. Si potrebbe diminuire di una notte partendo da Passo Rest e facendo tutto un tiro fino in Chiampiuz. Il secondo giorno invece che scendere in Pussa si potrebbe fare il Libertan e scendere in Senons per il Troi dal Col da le Ciampane e pernottare in quella casera. Terzo giorno per il Canal grande di Meduna (servirà lasciare un’auto a Tramonti per recuperare quella sul Rest; oppure avvalersi degli amici tramontini per gli spostamenti).

L’Alta via Clautana richiede una esplorazione tra La Gialina e il Tamer del Domanzon. Propongo di iniziare le creste sul M. Resettum e fare il bivacco in Forcella Clautana. Oppure farsi venire a prendere in detta forcella dal gestore del Pradut e dallo stesso farci riportare il giorno seguente. In questo modo si può partire da Casavento e per casera Colciavath salire il Resettum e proseguire per cresta fino in Clautana. Il giorno dopo dalla Clautana si sale La Gialina, il Domanzon e il Dosaip e si scende per Podestine e Grave di Gere.

Chi avesse contributi e altre idee utilizzi i commenti a questo articolo.

 

Precedente Il mio corpo sa cosa fare Successivo Frascola

4 commenti su “Proposte gite sociali

  1. Interessante la traversata Settefontane Lesis, mi iscrivo subito. Per quanto riguarda i Praduz mi rendo disponibile per fare l’esplorazione.
    La Grande Cengia mi sa tanto di trovata commerciale per i turisti, comunque se ti serve ti presto il bobcat.
    Sentiero Fradeloni assolutamente deve diventare una classica.
    Mi aspettavo anche qualcosa con i dinosauri

  2. – Raut per Rio de Raudelin
    – Traversata Cima dei Pecoli
    – Cima Eva (?)
    – Cima Le Corde (?)
    – Visitare Forcella Postegae verso Val de la Stua
    – Vedere l’ex 387 da Casera Pramaggiore
    – Caserine Alte da forcella Senons
    – Fratta di Barbin
    – Tornare in Val Pezzeda
    – Rifare ex 385
    – Cima Laste dal Cadin di Gea

    • greppisti il said:

      Vagliando le tue proposte.
      Raut per Rio de Raudelin: intendi la Cengla da la Dova? Banale per dei greppisti.
      Traversata Cima dei Pecoli: non facciamo niente in territorio straniero.
      Cima Eva (?): volevi forse dire p…..a?
      Cima Le Corde (?): no niente corde arrampichiamo slegati.
      Visitare Forcella Postegae verso Val de la Stua: perché sta male?
      Vedere l’ex 387 da Casera Pramaggiore: per carità solo vedere che è pieno di cagate di pecore!
      Caserine Alte da forcella Senons: impossibile detta forcella non esiste.
      Fratta di Barbin: di chi?
      Tornare in Val Pezzeda: se ti va…
      Rifare ex 385: dai, ancora, ma basta!
      Cima Laste dal Cadin di Gea: non possiamo sconfinare te l’ho già detto!

Lascia un commento